Ott 222010
 
riunione3
Progetto concentrato sulle zone di pianura di Marino. Con l’anno scolastico ormai a pieno regima, si riavviano anche le attività del Comitato Quartiere Giovani sul territorio di Santa Maria delle Mole e Frattocchie. Gli istituti coinvolti quest’anno sono l’Istituto Compresivo Levi, l’istituto Comprensivo Vivaldi. “Per questo anno, anche alla luce dell’assenza del Comune di Marino nello svolgimento del progetto dello scorso anno che avrebbe preveduto l’insediamento del Consiglio Comunale dei ragazzi di Marino,” dichiara Domenico Brancato responsabile del progetto “le attività saranno limitate al solo Comitato Quartiere Giovani. Abbiamo deciso per questo di concentrate sulle scuole di Santa Maria delle Mole e Frattocchie gli sforzi e abbiamo allargato la partecipazione anche alle classi della scuola elementare degli istituti, in particolare a quelli di quinta”. ll progetto prevede la elezione di alcuni studenti per ogni classe, in funzione della zona di residenza. In tutto, sul territorio della pianura di Marino, saranno coinvolti circa 500 giovani nelle elezioni di fine ottobre, elezioni che porteranno alla formazione di due Comitati di Quartiere Giovani con una sessantina di ragazzi. Marino Aperta Onlus, come da molti anni a questa parte, è l’associazione che propone il progetto che tanto successo ha avuto nelle scuoe di Marino: anche quest’anno verranno affrontati i temi dell’educazione civica, della partecipazione alla vita del territorio, del risparmio energetico e la tutela dell’ambiente, delle dipendenze di varia natura.
Inviato da : Data comunicazione : 22-10-2010
Ott 202010
 
aeroportoII
Comitato per la riduzione dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Ciampino. AEROPORTO DI CIAMPINO: L’unica soluzione è RIDURRE SUBITO IL NUMERO DEI VOLI. I comuni di Ciampino e Marino hanno chiesto al TAR di emettere un’ordinanza per LIMITARE I VOLI che interessano l’AEROPORTO DI CIAMPINO a garanzia della salute dei cittadini, come prevede l’art. 32 della Costituzione. È stato ampiamente dimostrato dai risultati del monitoraggio CRISTAL eseguito da ARPA LAZIO che i limiti dell’inquinamento acustico sono ogni giorno ampiamente superati e le normative sul volo nazionali e internazionali restano lettera morta. Come ha stabilito l’ARPA (Agenzia regionale protezione Ambiente), su Ciampino non si dovrebbero superare i 60 movimenti al giorno (30 decolli + 30 atterraggi): attualmente sono invece intorno ai 160, e in mancanza di un provvedimento dal gennaio 2011 potrebbero diventare 200. La Conferenza dei Servizi della Regione Lazio, che si è tenuta il 3 luglio di quest’anno, ha stabilito l’impronta acustica delle zone intorno all’aeroporto – che sono densamente abitate, con almeno 15.000 abitanti colpiti da un inquinamento acustico e atmosferico continuo. Da questa risultano confermati i risultati del CRISTAL, ma continua a mancare un adeguamento del numero dei voli a causa delle resistenze dell’ENAC. Infatti ENAC si inventa come “soluzioni” quella della variazione delle rotte, che non risolve un bel niente e si rivela solo un palliativo per guadagnare tempo e lasciare le cose come stanno, cioè in pieno far west normativo. Tale è la protervia dell’ENAC, che convoca la Commissione Aeroportuale per lo stesso giorno in cui è prevista l’audizione al TAR: evidentemente l’Ente in questione non mostra il mimino rispetto né per le regole né per le sentenze, sovrapponendosi alla Magistratura e senza attendere il responso del TAR. LA RIDUZIONE IMMEDIATA E DRASTICA DEL TRAFFICO AEREO È L’UNICA E SOLA SOLUZIONE CHE PUÒ SALVARE LA SALUTE E LA VITA DEI CITTADINI DI CIAMPINO, MARINO E DEL X MUNICIPIO DI ROMA. CHIEDIAMO ALLA MAGISTRATURA DI TULELARE LA SALUTE DEI CITTADINI E CHIEDIAMO L’IMMEDIATA E DRASTICA RIDUZIONE DEL TRAFFICO AEREO!!!!
Inviato da : Data comunicazione : 20-10-2010
Ott 172010
 
aereo
Stella Bianchi, Responsabile Ambiente Segreteria Pd e Matteo Mauri Responsabile Infrastrutture e Trasporti hanno dichiarato oggi: “Facciamo nostra la preoccupazione di tutti i cittadini che vivono e lavorano in prossimità dello scalo di Ciampino, un aeroporto che ha conosciuto in brevissimo tempo uno sviluppo esponenziale che è diventato insostenibile per gli abitanti. A confermare le nostre preoccupazioni ci sono un’analisi dell’Arpa che ha certificato lo sforamento dei limiti imposti dalla legge sul rumore e un’indagine epidemiologica, sempre della Regione Lazio, che ha dimostrato una correlazione tra l’inquinamento causato dall’attività dell’aeroporto e le condizioni di salute di quanti vivono nella zona. Capiamo l’importanza dello sviluppo del traffico aereo e del sostegno ai flussi turistici e quindi chiediamo che si possa intanto lavorare per il trasferimento dei voli da Ciampino a Fiumicino e che si possa prorogare l’ordinanza di riduzione dei voli, voluta dall’allora ministro Bianchi, che scade il 31 dicembre prossimo.”
Inviato da : Data comunicazione : 17-10-2010
Ott 132010
 
aereoRyan
Comunicato Stampa Comitato Aeroporto di Ciampino – Finalmente la Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini ha firmato oggi l’atto finale della Conferenza dei Servizi, che stabiliva la zonizzazione acustica dell’aeroporto di Ciampino. Il prossimo passo, che ci attendiamo quanto prima, consiste nella RIDUZIONE DEI VOLI, perché finora l’aeroporto di Ciampino ha operato fuori dai limiti di legge. I risultati della Conferenza confermano quanto già emerso nel 2009 dallo studio CRISTAL di ARPA Lazio e dallo studio sui danni alla salute dei cittadini fatto dalle Asl RM/​H e RM/​E e dal Dipartimento Epidemiologico regionale (studio epidemiologico SERA). ARPA Lazio a, conclusione di uno studio ambientale durato un anno come prescrive la legge, ha scritto che a Ciampino non dovranno esserci più di 60 voli al giorno (30 decolli più 30 atterraggi), invece ce ne sono 160. Le Asl RM/​H e RM/​E insieme al Dipartimento Epidemiologico Regionale hanno rilevato gravi danni alla salute, soprattutto malattie cardiocircolatorie e respiratorie, che riguardano migliaia di cittadini di Ciampino e Marino, soprattutto delle frazioni più prossime all’aeroporto (come S.Maria delle Mole, Cava dei Selci e Frattocchie). E’ urgente ridurre i voli per tutelare la salute dei cittadini. CHIEDIAMO CHE SI TENGA CONTO DI QUESTE ESIGENZE, che vengano rispettati I RISULTATI DEI MONITORAGGI AMBIENTALI CRISTAL (max 60 movimenti al giorno) e SERA, soprattutto in sede della conferenza mondiale IATA che si terrà a Melbourne dall’11 al 14 di novembre: NON SI PROCEDA ALLA VENDITA DEGLI SLOT ILLEGALI.L’aeroporto di Ciampino va ridimensionato al più presto!!!info@comitatoaeroportociampino.itwww​.comitatoaeroportociampino​.it
Inviato da : Data comunicazione : 13-10-2010
Ott 132010
 
cantiere
Orti Didattici comunali. Dichiara Bartolozzi: «E’ un programma di nuovissima concezione che coinvolgerà i ragazzi in una progettazione volta alla celebrazione della vocazione agricola del nostro territorio, tramite una politica di avvicinamento della città alla campagna» «Sporchiamoci le mani con la nostra terra, quella dei nostri genitori e dei nostri nonni che tanti frutti ha dato al territorio di Marino. Sentiamone la consistenza ed il profumo, contemplando il miracolo che la natura compie in ogni zolla. Facciamolo insieme agli studenti, ai docenti e ai cittadini tutti, perché non abbia mai a perdersi il significato profondo e il vero valore della parola terra, un termine che annovera in sé impegni e responsabilità ma che regala tante soddisfazioni. E’ una fortuna poter imparare, grazie all’ausilio di sapienti professionalità, i segreti per farla fiorire. E da oggi lo faremo insieme, condividendo un progetto comune, quello di vivere in sempre maggiore consapevolezza il nostro senso di appartenenza ad uno splendido e generoso territorio come il nostro». Adriano Palozzi, Sindaco di Marino, anticipa così l’attivazione del progetto dell’Amministrazione relativo agli Orti Didattici comunali che, deliberato in sede di Giunta lo scorso 2 agosto, ha preso il via ieri. L’iniziativa, fortemente voluta dall’Assessorato alla promozione e valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici locali coordinato da Giuseppe Bartolozzi, nasce con la finalità di favorire l’attenzione per la terra delle nostre origini attraverso le attività di semina, cura e raccolta, apprendendo i principi basilari dell’educazione ambientale e alimentare. Realizzata in collaborazione con il Consorzio delle imprese agricole ed enogastronomiche del Comune di Marino, consta di corsi teorico pratici di agricoltura che, articolati nei mesi di ottobre e novembre 2010, sono stati attivati presso l’asilo nido comunale di Vascarelle a Marino centro e la scuola media statale Vivaldi di Santa Maria delle Mole. Destinati agli studenti e ai docenti e non di tutti gli istituti scolastici, pubblici e privati, del Comune di Marino oltre che agli stessi cittadini, i corsi sono finalizzati alla realizzazione di due orti comunali di circa 100 metri quadrati presso i due plessi individuati quale sede delle lezioni. A seguire un programma didattico di agricoltura avanzata previsto per la primavera del 2011. Gli apprendisti agricoltori possono così cimentarsi nei giorni 13,19,20,26,27 ottobre/ 3-9 novembre presso l’asilo nido di Vascarelle mentre alla Vivaldi i corsi sono previsti nei giorni 14,15,21,22,28,29 ottobre e 4-5 novembre, in entrambi i plessi dalle ore 16 alle 20. (info 06.93662357). «E’ un programma di nuovissima concezione che coinvolgerà i ragazzi in una progettazione volta alla celebrazione della vocazione agricola del nostro territorio, tramite una politica di avvicinamento della città alla campagna» – ha spiegato l’assessore Bartolozzi, sottolineando come lavorare con la terra aiuti i giovani a riflettere sulle proprie origini. «Oltre ad essere un’esperienza entusiasmante – ha aggiunto il responsabile del settore dedicato alle tipicità territoriali – l’iniziativa reca in sé valori intrinsechi elevati in termini di educazione ambientale e alimentare, di conoscenza e rispetto della natura, dando così modo ai partecipanti di scoprire il piacere del lavoro di gruppo oltre al valore della condivisione sociale». Grazie all’attuazione di questa iniziativa a fine corso tutti i partecipanti saranno in grado di realizzare sul proprio terreno un orto ricevendo quale compendio del corso stesso, dispense di approfondimento teorico.
Inviato da : Data comunicazione : 13-10-2010
Ott 092010
 
polverini
Il Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini non firma l’atto finale della Conferenza dei Servizi. A distanza di tre mesi dalla fine della “Conferenza dei Servizi per la zonizzazione acustica dell’aeroporto di Ciampino” il 1 luglio 2010, che ha dimostrato, con la firma di Ministeri, Regione, Provincia e Comuni, come l’aeroporto di Ciampino operi fuori dai limiti di legge, la Presidente Polverini blocca la Conferenza non firmandone l’atto conclusivo. “Una grande vittoria per i cittadini” abbiamo scritto quel giorno, perché i risultati della Conferenza confermano che le grida di allarme lanciate nel 2009 dallo studio ambientale di ARPA Lazio (studio CRISTAL) e dallo studio sui danni alla salute dei cittadini fatto dalle Asl RM/H e RM/E e dal Dipartimento Epidemiologico regionale (studio epidemiologico SERA), sono veri e confermati. ARPA Lazio a, conclusione del suo studio ambientale, durato un anno come prescrive la legge, ha scritto che a Ciampino non potrebbero esserci più di 60 voli al giorno (30 decolli più 30 atterraggi), invece ce ne sono 160. Le Asl RM/H e RM/E insieme al Dipartimento Epidemiologico Regionale hanno scritto che la salute delle migliaia di cittadini di Ciampino e Marino, e, per Marino, soprattutto delle frazioni più prossime all’aeroporto (come S.Maria delle Mole, Cava dei Selci e Frattocchie) ha subito danni, sia sul piano delle malattie cardiocircolatorie che su quello delle malattie respiratorie. E’ urgente ridurre i voli per tutelare la salute dei cittadini. Eppure la Presidente Polverini, assumendosi una gravissima responsabilità istituzionale e personale, non firma. Ma questo non è tutto. A fine anno scadrà l’Ordinanza ENAC 14/2007, che, a partire dal luglio 2007 e fino al dicembre 2010, limitava i voli di linea (i low-cost) ad un massimo di 100 al giorno anziché 138, a causa dello stato di usura della pista di volo. Dal 2007 ad oggi la pista è stata riparata e sono tuttora in corso febbrili e rumorosi lavori notturni. Quindi, se le cose stanno così, a partire dal 1 gennaio 2011, i voli di Ciampino aumenteranno di altri 38 al giorno, passando da un totale di 160 a 200 voli al giorno. E i passeggeri supereranno i 5 milioni all’anno, cosa che permetterebbe di inserire Ciampino nel circuito dei principali aeroporti europei, svincolandolo dal controllo dell’autorità nazionale e regalando, in base alle direttive europee, un contributo di 2 euro a passeggero ad Aeroporti di Roma. Adesso sappiamo anche quanti euro vale la salute dei cittadini. Ma la Presidente Polverini non firma l’atto conclusivo della Conferenza dei Servizi e c’è il rischio che i cittadini di Ciampino, Roma e Marino non solo non vedranno tutelato il loro diritto costituzionale alla salute, secondo l’articolo 32 della Costituzione, ma anzi vedranno aumentare il traffico e peggiorare la loro salute. Per questo abbiamo deciso di rendere pubblici gli atti della seduta conclusiva della Conferenza dei Servizi, pubblicandoli sul nostro sito (www. comitatoaeroportociampino.it), perché tutti i cittadini, soprattutto quelli danneggiati, sappiano cosa non vuole firmare la Presidente Polverini.
Inviato da : Data comunicazione : 9-10-2010
Ott 062010
 
oraorio
Ancora una volta i giovani di Frattocchie protagonisti. Domenica 10 ottobre a partire dalle 10,30, dopo la celebrazione religiosa, si riavviano con una grande festa le attività dell’Oratorio della Parrocchia “San Giuseppe” di via Cardinal Pizzardo a Frattocchie. L’Oratorio San Giuseppe, gestito da un gruppo di circa venti ragazzi di età dai 17 ai 26 anni, opera oramai da sette anni in collaborazione con l’associazione Marino Aperta Onlus e offre quest’anno iniziative durante tutto l’arco della settimana. Vediamo le proposte in rapida succesione. Dopo il successo dello scorso anno, viene riproposto il Centro Aggregativo Giovanile CAG. Una struttura aperta a tutti i giovani dagli 11 ai 17 anni, nella quale i giovani sono i veriprotagonisti delle iniziative: scuola di pallavolo e calcetto, corsi di musica (batteria, chitarra elettrica, basso), gite organizzate, merende, cinema, supporto scolastico, vengono offerti dal lunedì al venerdì dalle 15,30 alle 19,00). Sono organizzati inoltre viaggi culturali all’estero Il Sabato è dedicato alla musica per i bambini dai 3 ai 12 anni con l’appuntamento del Piccolo Coro del Fiore Blue i corsi di chitarra moderna. La domenica, dopo la Messa, si propongono come tradizione le attività ludico-educative organizzate dai volontari del Fiore Blu e rivolte ai bambini e agli adolescenti. “Quest’anno si proporrà anche il corso di italiano per stranieri” ha dichiarato Alessandra Mengucci neo presidente dell’Oratorio ”uno spazio cuturale dedicato agli adulti che verranno seguiti dalla professoressa Ciavolella per imparare le regole fondamentali della nostra lingua. Inoltre, sarà a disposizione anche lo spazio della Biblioteca Aperta…mente per la consultazione e prestito libri per tutte le età, catalogo on-line, novità letterarie, ricerche su internet e spazio lettura.” Insomma iniziative per tutti i gusti per i giovani di Frattocchie. Per informazioni rivolgersi alla Segreteria dell’Oratorio Lun. e Giov. dalle 16.00 alle 19.30, Dom. dalle 10,30 alle 11,30 presso la Biblioteca “Aperta…Mente” in via Cardinal Pizzardo, 3. Tel: 329.4624659 (dalle 15,30 alle 19,30). Il Direttivo dell’Oratorio San Giuseppe di Frattocchie
Inviato da : Data comunicazione : 6-10-2010
Ott 042010
 
Palozzi AbusivoA
Mentre Fabrizio Corona presenta la festa finale della sagra dell’Uva e per l’ennesima volta si conferma protagonista assoluto dei nostri squallidi tempi, i cittadini che hanno ancora a cuore concetti probabilmente obsoleti quali: etica, onestà, riservatezza, buon senso e senso civico, si ribellano inviandoci segnalazioni via telefono e email per la ennesima sciagurata scelta di Palozzi e del suo Assessore alla Cultura (ma di quale cultura parliamo?) Massimo Prinzi. Il grido di dolore è riassunto in frasi di questo genere “ma come, nella scuola di Santa Maria delle Mole smontiamo un’aula di informatica perchè i ragazzi non hanno posto e sprechiamo i soldi per Corona?” oppure “le nostre strade sono un colabrodo, i marciapiedi non esistono e dove vanno a finire i soldi delle nostre salate tasse comunali e probabilmente regionali, a pagare questo signore?”. Ancora “da sempre lavoro, pago le tasse e insegno ai miei figli i comportamenti corretti e chi vedo finanziare nel mio comune, lo scandalo fatto personaggio?”. Non ci sentiamo moralisti ma non possiamo come redazione di una associazione di volontariato che cerca di educare i giovani non sottolineare l’ennesima insensatezza del Sindaco Palozzi. Forse spera di recuperare i consensi che ha perso in questi anni affiancandosi a Corona? Se è così, buona fortuna Palozzi! La redazione di Marino Aperta
Inviato da : Data comunicazione : 4-10-2010
Ott 032010
 
bareri
Cosa sarà di noi e delle abitazioni a Cava dei Selci, su un territorio soggetto alle emanazioni naturali di gas dal sottosuolo? Come mai si continua a costruire senza tregua? Non sarebbe stato meglio prima studiare il problema e poi rilasciare le concessioni edilizie? Lo hanno chiesto, fornendo contributi interessanti e costruttivi, i cittadini di Marino, soprattutto di Cava dei Selci, nel corso di un incontro organizzato dal Comune di Marino il 26 settembre scorso, presso la tensostruttura sportiva vicina al Palaghiaccio, nel quale si è parlato della pericolosità da emissioni di corpi gassosi nell’area dei Colli Albani. In sala anche altri rappresentanti dell’amminsitrazione, il settore dirigenziale e circoscrizionale comunale e il Corpo di Polizia Locale, con il comandante Alfredo Bertini. Per la Regione Lazio l’arch. Patrizia Colletta, dell’area urbanistica edilizia e lotta all’abusivismo. Indetto su invito della Protezione Civile regionale, presente con il dirigente dr.ssa Lucrezia Casto, il confronto ha posto in luce le risultanze di una ricerca condotta in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) sul territorio, oggetto di esalazioni naturali di anidride carbonica (CO2) e idrogeno solforato (H2S) e in misura minore di radon, gas potenzialmente pericolosi solo se inalati a dosi elevate e per lungo tempo. «La Regione Lazio – ha informato – con delibera di giunta 359, ha assunto maggiormente l’onere della questione dichiarando lo stato di calamità naturale per la zona di Cava dei Selci istituendo, altresì, un comitato di esperti per attivare una rete di monitoraggio del territorio nel quotidiano». La tavola rotonda ha visto relatore principale il prof. Franco Barberi, Presidente Vicario della commissione Grandi Rischi della Protezione Civile e docente presso l’Università Roma 3, insignito di numerosi riconoscimenti scientifici internazionali e autore di oltre 250 pubblicazioni in tema di vulcanologia e geotermia. «I Comuni di Ciampino, Marino e il X Municipio di Roma – ha spiegato Barberi – ricadono nel complesso vulcanico dei Colli Albani che, formatosi circa 600mila anni fa, è costituito da numerosi centri eruttivi «potenzialmente ancora attivi» ha osservato informando come nelle aree quiescenti si osservi spesso un rilascio anomalo di gas dal suolo. «Dalle misurazioni esterne ed interne effettuate – ha detto ancora – è emerso come, in alcune abitazioni, sia stata rilevata una presenza di fluidi endogeni superiore al livello di guardia che richiede un attento monitoraggio. Purtroppo – ha aggiunto – non si può escludere che in futuro si possano verificare aumenti della concentrazione di gas. A tale proposito – ha concluso – ottima la prevenzione, con l’areazione costante dei locali».
Inviato da : Data comunicazione : 3-10-2010
Set 222010
 
TammaroBlu
Caro Adolfo, le tue dimissioni ci hanno imposto di ripercorrere in rapida successione la vita della nostra associazione degli ultimi sette anni. E la parola che più ricorre nel nostro pensiero è “grazie”. Grazie per la tua dedizione, la tua capacità d’ascolto e per la tua straordinaria capacità di trovare delle proposte sempre nuove. Sei stato in questi anni il vero Presidente dell’impegno sociale, che ha saputo mostrare nella sua azione l’applicazione dei più profondi valori della tradizione cristiana, tanto cari alla nostra associazione, l’attenzione per il mondo dei giovani, la capacità di innovare e utilizzare le nuove tecnologie, e la grande e rivoluzionaria umanità che appartiene al mondo del volontariato. Che dire di più! In bocca al lupo per la tua sfida elettorale, i cittadini di Marino meriterebbero un Sindaco del tuo spessore! **** La Redazione e il Direttivo di Marino Aperta Onlus
Inviato da : Data comunicazione : 22-09-2010