Giu 042015
 
Ada-MugillaSpot

Il 9 giugno 2015 dalle ore 7,30 in collegamento televisivo su RAI 3 i cittadini di Argine via Divino Amore (ADA) e degli altri comitati che combattono, assieme ad Italia Nostra Castelli Romani e Legambiente Appia Sud ‘il riccio’, la cementificazione a Marino, invitano tutti gli abitanti che amano il territorio e il loro futuro a partecipare alla diretta televisiva che si terrà dal parcheggio antistante alla Cantina Sociale il Gotto d’Oro in via del Divino Amore, di fronte all’area verde che gli amministratori locali vorrebbero trasformare in una colata di cemento.

Questa diretta” dichiara il coordinamento di ADA “costituisce l’ennesima opportunità per l’opinione pubblica di conoscere la insensatezza e le vere ragioni del progetto di cementificazione voluto da Palozzi, Silvagni e tutto il centro destra di Marino, con la silente complicità del PD in Regione e a livello locale. Si vorrebbe riparare al disastro già fatto con il cemento già realizzato a Santa Maria delle Mole e Frattocchie con del nuovo cemento, per oltre 1.300.000 mc. Una nuova città grande quanto Urbino che non serve a nessuno se non agli speculatori e ai politicanti che l’hanno approvata e consentita. Ma noi di ADA ci batteremo senza esitazione in tutte le sedi per fermare questa scelta folle.”

Coordinamento ADA 2.0

ADA9-6-15

Mag 282015
 

RifugDopo il corteo del 25 maggio 2015 si aspetta una soluzione dignitosa della questione dei rifugiati a Marino dopo un avvio gestito male e le strumentalizzazioni di alcuni, sia locali che venuti a posta a Marino per ottenere visibilità.

Circa cinquecento persone che sfilano in corteo il 25 maggio scorso: partenza ore 21.00 da Piazza Matteotti per poi scendere per Corso Trieste, passando per Piazza Garibaldi fino a giungere a Via Cesare Colizza, davanti alle palazzine cui il prefetto ha destinato i 78 immigrati, dove il corteo è atteso per la diretta televisiva sulla trasmissione “Quinta Colonna”.

Il corteo, scortato da Carabinieri e Polizia, si svolge con ordine: i partecipanti mostrano gli striscioni preparati nelle ore che precedono il corteo: “Integrare non è sfruttare”, “Marino non ci sta! Ma quale solidarietà, solo business e finta carità”, “Nessuno tocchi il mio popolo!”. Giovani, adulti, anziani, donne, bambini che sfilano, alcuni portano fiaccole accese, altri sventolano bandiere tricolore. Ogni tanto qualcuno apre un coro: “Marino unito!”, “Diritto alla casa, diritto al lavoro, non ce lo abbiamo noi, non ce lo avranno loro!” , poi qualcuno intona l’inno di Mameli.

Intervistiamo qualcuno dei residenti nelle palazzine destinate ai rifugiati per capirne motivazioni e stati d’animo: “Abbiamo acquistato la nostra casa grazie alle agevolazioni previste dalla legge 167 per l’edilizia agevolata per le giovani famiglie che acquistano la prima casa. Abbiamo aspettato più di due anni prima che il costruttore ce la consegnasse ed ora che finalmente abbiamo una casa, scopriamo che il costruttore, in palese violazione della legge 167, ha affittato gli appartamenti che non è riuscito a vendere ad una cooperativa sociale. Questa cooperativa si è aggiudicata il bando indetto dalla Prefettura per fornire ospitalità agli immigrati con lo status di rifugiati e il Prefetto, non sapendo che il provvedimento fosse in difetto di legittimità, ha firmato un provvedimento di assegnazione dei rifugiati alle nostre palazzine”.

Intervistiamo una donna incinta: “Ho un figlio di due anni e un altro in arrivo: venerdì partorirò ma sono sinceramente agitata. Mi spaventa sapere che verrà allestito un centro accoglienza per immigrati nel mio condominio: come donna e come madre sono molto preoccupata per me e i miei figli.

Un’altra giovane donna ci dice “Il condominio si trasformerebbe in un ostello : sotto la mensa e le aule ricreative, sopra gli alloggi. Non conosco questi ragazzi, ma 78 immigrati che si spostano per le aree comuni condominiali credo creino un forte problema di integrazione”.

Un’altra testimonianza ci dice: “Non si tratta di razzismo, ma di rispetto della legalità: siamo stati dal Prefetto per evidenziargli che, affittando questi appartamenti che sono stati costruiti per essere destinati alle giovani famiglie, sono state violate le norme previste per l’edilizia agevolata. Gli abbiamo sottolineato che si tratta di appartamenti ad uso residenziale e non sono adatti ad essere trasformati in una struttura ricettiva. In Prefettura ci hanno accusato di razzismo e scarsa tolleranza, non accettiamo di essere insultati da chi svolge il ruolo di rappresentare le nostre istituzioni”.

Questi sono gli stati d’animo degli abitanti della zona Paolina mentre sfilano in corteo di protesta a Marino. E mentre ancora una volta si alzano alcune voci ad intonare l’inno di Mameli, dopo aver ascoltato queste interviste mi chiedo come interpretare questo canto: forse per alcuni significa chiusura verso lo straniero, per altri è forse un appello da cittadini italiani alle istituzioni in cui malgrado tutto ancora credono, perché gestiscano l’emergenza nel rispetto delle leggi e non la lascino gestire al caso.

Donatella Dibello

Mag 252015
 
ConvegnoDiocesi

Da domani a giovedì la Chiesa di Albano si ritroverà insieme per vivere e condividere l’evento del Convegno pastorale diocesano, momento di confronto e ripartenza, di preghiera e formazione, in programma presso la sala Mariapoli di Castel Gandolfo, in via San Giovanni Battista De La Salle, sul tema Adulti per Iniziare «Lo educò, ne ebbe cura». L’appuntamento prosegue e rafforza il percorso che già da diversi anni è in atto nella diocesi di Albano, attraverso la Visita pastorale del vescovo Marcello Semeraro (conclusa lo scorso novembre) e il progetto di Iniziazione cristiana avviato negli anni passati con la tappa battesimale (vissuta nella diocesi nel 2011), quella del catecumenato crismale (2012), la tappa eucaristica (2013), e il Laboratorio della fede (2014). «Il titolo – spiega monsignor Gualtiero Isacchi, vicario episcopale per la Pastorale – inquadra il contesto e gli obiettivi del Convegno, in cui si intende porre l’accento sulla disponibilità e capacità, ad accompagnare i diversi cammini di fede, da parte degli adulti, coloro che in concreto dovranno attuare il progetto diocesano di Iniziazione cristiana». Il programma dei tre giorni prevede l’inizio di ciascun appuntamento alle ore 18,30. La prima sera sarà aperta dalla introduzione del vescovo di Albano, monsignor Marcello Semeraro e dalla presentazione, da parte degli uffici pastorali diocesani, del lavoro svolto durante l’anno sul Laboratorio della Fede, la proposta pastorale riservata ad adolescenti e giovani, dai 12 ai 18 anni, e del lavoro svolto a livello diocesano verso il Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze, che si sta sviluppando attraverso iniziative di confronto e formazione che stanno coinvolgendo sacerdoti e laici su tutto il territorio diocesano. La seconda serata sarà guidata dalla relazione di Pierpaolo Triani, professore associato di Didattica generale presso la facoltà di Scienze della formazione dell’Università cattolica del Sacro cuore a Piacenza, sul tema Essere adulti oggi, che concentrerà l’attenzione sulla situazione dell’adulto nella società contemporanea, mentre durante la terza sera si entrerà maggiormente nell’impegno della Chiesa diocesana con monsignor Valentino Bulgarelli, docente di Catechetica della facoltà Teologica Emilia e Romagna (FTER), e direttore dell’ufficio catechistico della diocesi di Bologna. Il suo intervento, sul tema La formazione dell’adulto e della comunità toccherà argomenti e proposte concrete quali la formazione degli adulti, la catechesi degli adulti e la costruzione di comunità adulte, capaci di generare alla fede e accompagnare nella fede le nuove generazioni.

 

 

DIOCESI DI ALBANO

Ufficio per le Comunicazioni Sociali

Piazza Vescovile, 11

00041 – Albano Laziale (RM)

Tel: 06/93268401

Fax: 06/9323844

comunicazioni@diocesidialbano.it

Mag 202015
 

LogoShowDomenica 17 maggio la Parrocchia San Giuseppe a Frattocchie e Marino Aperta Onlus hanno annunciato la presentazione, nella prima settimana di giugno, della Commedia Musicale: Apri il cuore prima del diluvio.

 

La Commedia è stata prodotta dal volontariato parrocchiale di Frattocchie ed è liberamente ispirata al famoso musical ‘Aggiungi un posto a tavola’, con non poche originalità nella storia, nella sceneggiatura, nella regia e nella musica.

Inserita nel contesto dei festeggiamenti per San Giuseppe, la commedia verrà presentata presso il Teatro di Frattocchie con tre spettacoli: il venerdì 5 giugno alle 20,45, il sabato 6 giugno alle ore 16,30 e, a grande richiesta viste le prenotazioni già arrivate, la domenica 7 giugno alle 11.

E’ obbligatoria la prenotazione richiedendola con una mail a marinoaperta@yahoo.it o telefonando al 3288321723. L’accesso, una volta prenotati, è gratuito.

 

Con la partecipazione del Coro del Fiore Blu di Frattocchie e del Coro degli Amici di Sempre, la scena vedrà circa sessanta coristi e attori – tra bambini, adolescenti e adulti – sul palco per una performance che vuole lanciare un messaggio di speranza e generosità in una atmosfera comunque goliardica e divertente.

La Commedia, offerta in forma di concerto spettacolo ed adatta a tutte le età, vedrà impegnati i coristi diretti dalla prof.ssa Maria Giovanna Ruffini. Gli attori, abilmente preparati dai registi Armida Marcioni e Katiuscia Ronconi, si proporranno sul palco del teatro coinvolgendo i giovani coristi e il pubblico presente.

Esordisce per l’occasione anche una orchestra giovanile, la Big Band di Marino Aperta Onlus, che ha coinvolto 20 valenti musicisti – di cui oltre la metà sotto i 16 anni – nell’esecuzione dal vivo di tutte le musiche della commedia. Diretta dal giovane jazzista, il maestro Stefano Carbonelli, la Band annovera al suo interno anche altri importanti maestri di musica, presentandosi con una aggregazione di strumenti davvero originale: violini, viola e violoncello, mandolini e mandole, clarinetto, sassofono, flauti e ottoni, fino ad una robusta sezione di chitarre, percussioni, tastiera e basso elettrico.

Un evento innovativo e divertente” ha dichiarato Marco Carbonelli Vicepresidente di Marino Aperta Onlus “che nel corso degli ultimi sei mesi ha coinvolto le famiglie di Frattocchie e anche altre famiglie dei Castelli Romani e di Roma per dare, con grande semplicità, un esempio di come si possa lavorare in modo disinteressato in una comunità per il solo piacere di stare insieme mettendo in comune le proprie capacità, nel rispetto di tutti.”

AUPAT-JPEG

Mag 202015
 
DonCamb1

Le Donne per il Cambiamento annunciano un nuovo incontro formativo per il 21 maggio a Frattocchie.  Nuovo incontro di formazione per le Donne per il Cambiamento di Marino e dei Castelli Romani. ll relatore di questa nuova sessione di approfondimento sarà la dott.ssa Barbara Strappato Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato di Roma,che illustrerà l’attività della polizia giudiziaria nei reati contro le cosiddette fasce deboli, passando dalla fase del racconto a quello della denuncia.

L’incontro formativo è programmato per giovedì 21 maggio alle ore 21 a Frattocchie.

Anche per questo nuovo incontro” ha dichiarato Barbara Cerro del coordinamento delle Donne per il Cambiamento “ abbiamo il piacere di farci guidare da una professionista molto esperta, la dott.ssa  Barbara Strappato Vice Questore Aggiunto che ci presenterà l’esperienza della Polizia di Stato sul tema della violenza sulle fasce deboli al fine di arricchire ancora di più il nostro percorso formativo. Ricordo a tutti che la partecipazione alla formazione del gruppo delle Donne per il Cambiamento è gratuita: chi vuole può contattare il 347 5449532 per avere informazioni”.

Coordinamento Donne per il Cambiamento

 

Mag 142015
 
aereoRAir

Mantenendo l’impegno preso con i cittadini il 4 maggio a Ciampino, il Presidente della Regione Zingaretti ha incontrato martedì 12 maggio, nella sede della Regione, una delegazione di cittadini provenienti da Ciampino, Roma e Marino al fine di ascoltarne le richieste e illustrare i piani della Regione per ridurre il numero dei voli nell’aeroporto di Ciampino.

All’incontro erano presenti anche l’Assessore Refrigeri, il Consigliere Regionale Lupi e il Sindaco di Ciampino, Terzulli.

Al Presidente Zingaretti è stato consegnato dal portavoce del Comitato un documento che sintetizza come l’aeroporto si sia sviluppato, a partire dal 2002, ignorando completamente le norme di settore nazionali e comunitarie: limiti di inquinamento acustico, valutazione di impatto ambientale e valutazione ambientale strategica.

È stata necessaria l’apertura da parte della Commissione Europea di un’indagine per infrazione delle norme comunitarie, avviata a seguito di una denuncia dei cittadini del Comitato, per riportare l’attenzione sulla illegittimità della trasformazione di questo aeroporto, incuneato tra le case di tre comuni, in uno dei principali aeroporti italiani.

Mettendo a rischio, come riportano le indagini epidemiologiche, la salute dei cittadini e violando i limiti di inquinamento ambientale previsti dalla legge.

La richiesta dei cittadini è stata di ridurre drasticamente i voli e farlo subito, riducendo permanentemente anche gli slot assegnati a Ciampino.

Rispondendo ai cittadini il Presidente Zingaretti ha illustrato come la Regione sia determinata a risolvere il problema di Ciampino e sia in attesa a breve di un nuovo piano di riduzione dei voli da parte di Aeroporti di Roma (il primo era stato respinto dai tre comuni interessati).

L’azione della Regione in questa direzione, ha rivendicato Zingaretti, si è anche svolta in sede di conferenza Stato-Regioni e di esame del Piano Nazionale Aeroporti.

Il Presidente ha rimarcato la sua volontà politica di ottenere già a giugno un piano di effettiva riduzione dei voli e di incontrarsi anche con il Ministro dei Trasporti, Delrio.

Finalmente la Regione si è resa conto della necessità di una decisa iniziativa politica e istituzionale per riportare l’aeroporto di Ciampino al rispetto delle norme nazionali ed europee.” Ha dichiarato il portavoce del Comitato, Roberto Barcaroli. “Bisogna ridurre i voli subito. Non possono essere i cittadini a pagare con la propria salute gli interessi economici di pochi”.

L’incontro si è concluso con l’impegno da parte del Presidente per un nuovo appuntamento  nel mese di giugno e con l’impegno ad agire anche per favorire la pubblicazione dei dati relativi alle patologie presenti nel territorio colpito.

 

 

 

Comitato per la riduzione dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Ciampino

Cinecittà Bene Comune

Ciampino Bene Comune

Legambiente Circolo Appia Sud “il Riccio”

Città in Comune

Mag 132015
 

CQG-9-5-15Chiude per questo anno scolastico il progetto Comitato Quartiere Giovani organizzato da Marino Aperta Onlus nelle scuole di Frattocchie e Santa Maria delle Mole. Gli ultimi incontri, che si sono svolti in questi giorni, hanno affrontato temi di grande interesse per i ragazzi delle scuole medie. Il 7 maggio è stata la volta del tema del cyberbullismo nella scuola media Levi di Frattocchie con la partecipazione di circa 70 ragazzi delle prime e seconde medie della scuola. Durante l’intervento di un esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i ragazzi hanno potuto visionare dei video e apprendere delle importanti informazioni che poi hanno riportato in discussioni avviate nelle loro classi sui comportamenti a rischio legati al cyberbullismo. Il secondo tema , trattato il 13 maggio presso la scuola media Vivaldi con tre sessioni di incontri, è stato quello della moneta e delle banche, fino ad arrivare all’euro e al ruolo della BCE. L’intervento è stato tenuto da un rappresentante della Banca d’Italia, l’ing. Cristiano Paris, che ha appassionato i ragazzi con la storia della moneta, partendo dal baratto arrivando fino alla recente introduzione dell’euro e ai compiti della Banca Centrale Europea.

Anche quest’anno” ha dichiarato il prof. Domenico Brancato coordinatore del progetto per Marino Aperta Onlus “i ragazzi della pianura di Marino hanno potuto approfondire con il Comitato Quartiere Giovani molteplici temi di grande interesse. Vogliamo ringraziare la disponibilità delle referenti delle scuole, prof. ssa Rosa Calabria e prof.ssa Giovanna Ruffini, per l’impegno profuso con noi nel percorso realizzato che ha coinvolto anche in questo anno diverse centinaia di ragazzi dai 10 ai 13 anni di età in oltre 10 incontri di approfondimento.”

Mag 132015
 
ADA-III pass

L’Assemblea Contro la Cementificazione organizza un incontro pubblico in piazza Togliatti, sabato 16 maggio dalle ore 17.00, per fare il punto della situazione a seguito dell’ultimo mese che ha visto una serie di mobilitazioni presso i consigli comunali e quelli regionali.

Sarà inoltre allestita una mostra con le fotografie riguardanti lo scempio in corso a Mugilla, zona verde e archeologica di pregio nei pressi della scuola elementare Verdi e dell’asilo Ciari.

Nonostante l’amministrazione comunale si sia barricata dietro il voto di fiducia, che racchiude la volontà politica di proseguire nel cementificare il territorio, e la Regione Lazio abbia deciso di non ritirare le delibere di sua competenza che approvavano i piani devastatori di Parnasi al Parco Tudini e dei palazzinari locali su Mugilla, comincia a scricchiolare qualcosa dopo l’arresto del sindaco Silvagni e l’inchiesta che coinvolge l’assessore all’urbanistica Bartoloni nonché funzionari comunali.

Invitiamo pertanto la popolazione a partecipare all’incontro pubblico in piazza Togliatti sabato 16 maggio e a quelli settimanali che si svolgono ogni lunedì dalle ore 21.30 presso la sede di via S.Paolo Apostolo 19, sempre a S. Maria delle Mole.

C’è necessità di continuare a fra crescere la mobilitazione contro il progetto da 12.500 nuovi residenti e 1 milione 300 mila metri cubi di cemento: l’unica cosa inutile è lasciare ad altri il compito di difendere l’interesse collettivo della tutela del territorio e della vivibilità delle sempre più popolose frazioni di Marino.

Mag 072015
 
0-ADALow

Dalle Cave di peperino al santuario S. Maria dell’Acquasanta, fino al Barco dei Colonna.

Nuova passeggiata organizzata da Argine via Divino Amore (ADA2.0) in cooperazione con Legambiente Appia sud e Italia Nostra Castelli Romani. L’evento, fissato per sabato 9 maggio con partenza alle ore 9,45 alle Cave di peperino, ai piedi di Marino Centro, prevede una lunga passeggiata archeologica, storica e naturalistica per il sentiero che risale dalle Cave fino alla torre d’Ammonte, l’antico lavatoio, il Santuario dell’Acquasanta, fino al ponte  Gregoriano e il Barco dei Colonna.

La passeggiata sarà guidata dal dott. archeologo Marco Cavacchioli, dalla dott.ssa geologa Giorgia Galli e dal dott. naturalista Enrico Iannuzzi.

Chi ama la storia, la cultura, il paesaggio e la natura non potrà perdere questa ghiotta occasione” commenta il coordinamento di ADA. “Mentre a Marino c’è chi con il cemento ha pensato per anni e pensa ancora oggi di raggiungere i suoi ‘beceri’ obiettivi di carriera personali, i cittadini che amano veramente il territorio si radunano per gustare con semplicità la natura, la storia e il paesaggio. Anche questo contribuisce a creare una nuova cultura condivisa di rispetto per i beni comuni e di loro difesa dalle speculazioni dei politicanti locali e regionali che prosperano sul territorio.”

ADA-pass9-5-15

 

Si allega Locandina evento

 

Coordinamento ADA 2.0

Mag 052015
 
NoTir2Small

Il Comitato NO TIR Frattocchie attraverso il suo portavoce Antonello Burli ripone alla discussione il problema dei cittadini di via del Divino Amore e di via Nettunense a Marino con il traffico pesante attraverso una dettagliata lettera che è riportata nelle sue parti principali di seguito.

“Ad agosto del 2013 la Provincia di Roma ha emesso una ordinanza, che vieta il transito ai veicoli con massa superiore a 6,5 tonnellate nel tratto dell’Ardeatina compreso tra il km 11,900, in corrispondenza dell’incrocio con via Castel di Leva, ed il km 14,400, all’altezza dell’intersezione con via del Divino Amore. Questa ultima (via del Divino Amore) ha una carreggiata di 5 (cinque) metri rispetto alla S.P. Via Ardeatina che ne conta 7 (sette) di metri. Tale “circostanza”, non da poco, ha causato alcuni incidenti dovuti sia alla sede stradale (non è così capiente da permettere il passaggio di TIR così grandi), sia al manto stradale che non essendo concepito per tali mezzi, si sbriciola e si sgretola ad ogni passaggio.

La via del Divino Amore (Strada provinciale in Comune di Marino), passante all’interno di un centro abitato, non era nata per sopportare un siffatto traffico, per cui oggi  ci ritroviamo con una superficie stradale non più liscia ma piena di buche e dossi, sulla quale transitano i TIR con sobbalzi dei mezzi stessi e di conseguenza delle costruzioni adiacenti.

Da una recente e ripetuta verifica della Polizia locale di Marino è emerso che sulla via del Divino Amore transitano dai 400 ai 600 TIR al giorno, che peraltro non rispettano i limiti di velocità imposti per un centro abitato (50 km/h). Questo avviene a tutte le ore del giorno e della notte, facendo sembrare la strada provinciale una vera e propria autostrada con tutto quello che ne consegue:

  • circolazione stradale ad alto rischio
  • impossibilità di camminare sui marciapiedi (ove presenti)
  • quotidiana convivenza con  vere e proprie scosse e vibrazioni dei e nei fabbricati prospicienti la Via del Divino Amore con conseguenti aperture di crepe nei muri (e relativo timore per la staticità dei medesimi fabbricati)
  • intollerabile aumento dell’inquinamento acustico e ambientale;  i TIR circolano a qualsiasi ora del giorno e della notte ed è diventato veramente difficoltoso concedere al proprio fisico le necessarie e fisiologiche ore di sonno e riposo

Vi chiediamo di compiere un sopralluogo durante i giorni infrasettimanali per rendervene conto: è intollerabile!

Oltretutto la deviazione di questi mezzi pesanti,  avviene in un’area dove il traffico vive una sua congestione naturale; deviarli dalla Via Ardeatina su Via del Divino Amore e poi su Via Nettunense e su Via Appia (direzione Roma G.R.A) e viceversa, crea un blocco alla circolazione stradale che mette a rischio tutta quest’area, con ripercussioni economiche, sull’inquinamento acustico e ambientale, incidendo sulla salute e sulla qualità della vita dei cittadini.

In data 16 marzo u.s. Il Comune di Marino, con delibera di Giunta n. 21, ha iniziato l’iter amministrativo per la  perimetrazione dei Centri Abitati, includendo anche la via del Divino Amore e la via Nettunense.

Ora siamo con la speranza che Regione Lazio, Provincia di Roma e ASTRAL vogliano prendere  nella massima considerazione  tale deliberazione e sveltire al massimo l’iter burocratico, senza opporre qualsivoglia eccezione che ne rallenterebbe il buon fine. Si ritiene infatti assolutamente chiaro, per tutto quanto precedentemente citato, lo stato di assolutà inidoneità delle nostra strade al traffico continuativo dei TIR.

Pensiamo  che le autorità coinvolte debbano avere lo scrupolo di agire tempestivamente, al fine di evitare che qualcuno si faccia male e paghi per le negligenze di chi, in maniera superficiale, ha emesso un’ordinanza senza valutarne l’impatto e le conseguenze sul territorio. Purtroppo chi paga gli effetti di decisioni sbagliate sono sempre i soliti noti: padri di famiglia, donne e bambini innocenti.

Antonello Burli

Presidente Comitato NO TIR FRATTOCCHIE

Mail: notirfrattocchie@mail.com