Feb 262016
 
mitreo2

E’ stata firmata il 22 febbraio 2016 con la Soprintendenza Archeologica del Lazio laConvenzione per la valorizzazione del Mitreo di Marino.L’atto reca la firma del Soprintendente dott.ssa Alfonsina Russo e del CommissarioStraordinario dott.ssa Enza Caporale.“Si tratta di un primo passo importante – ha dichiarato il Commissario Straordinario– presupposto indispensabile per procedere al completamento degli interventi tecnicinecessari per la fruizione al pubblico del bene monumentale e per il successivoaffidamento, tramite Bando di interesse pubblico, al soggetto che abbia le caratteristicheindicate nella Convenzione medesima”.La convenzione consta di 9 articoli, ha una validità biennale e impegna il Comune,sia direttamente che indirettamente, alla vigilanza e alla manutenzione ordinaria del bene,alle visite guidate con l’impiego di personale abilitato e, in particolare, per le visite digruppo stabilisce un accesso ad un numero non superiore a 10 persone con unapermanenza che non superi i 15 minuti per non arrecare danno alle pitture.Il Comune inoltre si impegna a consultare l’Istituto Superiore Centrale per il restaurodel Mibact al fine di effettuare il monitoraggio, con cadenza annuale, dello stato dellepitture del Mitreo e, qualora necessario, modificarne le modalità di accesso al monumento.Marino, 26 febbraio 2016

Feb 222016
 
gru
L’Assemblea contro la Cementificazione di Marino invita i comitati, le associazioni, i coordinamenti e i singoli cittadini che si battono a difesa del territorio e della sua vivibilità ad un incontro pubblico per avere un quadro d’insieme delle numerose nocività che riguardano i Castelli Romani e, in generale, la zona di Roma Sud.
Aree verdi lottizzate a favore di speculatori edilizi, costruzioni in zone archeologiche, estirpazioni di vigneti, aumento del traffico aereo presso l’aeroporto di Ciampino, discariche, inceneritori, centrali biogas/biometano, digestori anaerobici, inquinamento elettromagnetico e da gas radon/CO2, falde acquifere all’arsenico…
Tutte queste problematiche incidono pesantemente sulla vita quotidiana e la salute delle persone che vivono, studiano e lavorano nei paesi, ormai molti divenuti città vere e proprie, dell’hinterland romano. Ai piani scellerati di devastazione e saccheggio imposti da amministrazioni comunali e regionali, dietro i quali si nascondono – neanche troppo – gli interessi privati di molti speculatori, ognuno cerca di organizzarsi con le proprie forze nei territori soggetti di volta in volta a nuovi “progetti” di messa a profitto.
In un contesto come questo, la chiusura e l’accorpamento di interi reparti ospedalieri, la diffusa criticità nell’assistenza sanitaria, l’insufficienza cronica del trasporto pubblico e l’aumento dell’imbottigliamento veicolare causato dall’antropizzazione selvaggia, l’abbassamento complessivo della qualità di tutti i servizi primari assistenziali e dell’istruzione pubblica, l’aumento dei tributi comunali e sanitari per le fasce più deboli non sono da considerarsi qualcosa di diverso ma parte integrante delle stesse politiche e dei medesimi interessi che sono dietro le problematiche “ambientali” sopra citate.
Per discutere di tutti questi temi, condividere informazioni, realizzare una mappatura riassuntiva delle maggiori nocività esistenti e future, magari provando a coordinarsi, invitiamo tutti gli interessati a partecipare a questo incontro, sabato 27 febbraio, al centro sociale IPO’ di Marino, dalle ore 18.30.
Sarà possibile allestire, per chi lo volesse, piccole mostre e/o proiettare su maxi-schermo documenti e immagini inerenti specifiche situazioni di nocività, raggiungendoci sul posto almeno un’ora prima dell’inizio previsto.
Al termine della discussione ci sarà una cena di autofinanziamento a favore delle spese dell’Assemblea contro la Cementificazione, con sottoscrizione di 10-12 euro al massimo, tutto incluso, per la quale vi preghiamo di prenotarvi prima.
I nostri contatti:
e-mail: stopcemento@inventati.org
sito web: http://stopcemento.noblogs.org
ASSEMBLEA CONTRO LA CEMENTIFICAZIONE DI MARIN
Feb 152016
 
aereo-casa

Il Comitato Aeroporto “Da Terzulli informazioni solo tardive e parziali, soprattutto sulla salute pubblica”.

Con tre interrogazioni sul tema aeroporto, il Consiglio comunale del 12 febbraio a Ciampino si è trasformato in un acceso dibattito e una interessante sorgente di informazioni che hanno mostrato ancora una volta la gravità della situazione per la salute pubblica e la necessità di azioni immediate, e non tra cinque anni, per la riduzione dei voli nell’aeroporto di Ciampino“. Con queste parole, il Comitato dei Cittadini CRIAAC per la riduzione dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Ciampino ha commentato gli esiti dalla seduta del Consiglio Comunale.

La prima interrogazione, presentata dalla consigliera Checchi del M5S, ha consentito di chiarire che le informazioni fornite dal Vicesindaco di Ciampino, sconfessato nei fatti dallo stesso Sindaco durante la seduta, sulla realizzazione della contestata strada erano imprecise e superficiali. La famosa strada a scorrimento veloce, i cui costi di realizzazione sarebbero stati sostenuti da AdR, e che avrebbe dovuto catturare il “70%” dell’attuale traffico di attraversamento della città, è ben lontana da venire. Anche se a parlarne in termini molto meno incerti era stato proprio il sindaco Terzulli nel novembre scorso. Oggi, al contrario, le cose appaiono molto più vaghe. Infatti, si apprende dalle parole del Sindaco che tutto è incerto per la strada: dove si farà, come si farà e chi la pagherà. La strada attualmente in realizzazione/ristrutturazione sarà ad uso esclusivo dei militari. Il sindaco Terzulli, incalzato ancora dalla consigliera Checchi sul tema del rumore, ha dovuto ammettere che è in corso una Conferenza dei Servizi presieduta dalla Regione Lazio che sta affrontando il problema del Piano di abbattimento del rumore presentato da AdR, ritenuto ‘una vera beffa’ da parte dei cittadini. Ovviamente, fino ad oggi nessuna informazione su questa conferenza era stata data ai cittadini che da anni combattono per il rientro nella legalità dell’aeroporto, alla faccia della trasparenza e del dialogo con la cittadinanza sbandierato più volte da Terzulli. Un altro passaggio interessante c’è stato per la seconda interrogazione, presentata dal consigliere di opposizione Testa, candidato sindaco del centrodestra nell’ultima competizione, che riportando le analisi del Dipartimento Epidemiologico Regionale sull’inquinamento del nostro territorio, ha mostrato quanto la situazione a Ciampino sia critica.

Il CRIAAC aveva chiesto i dati sulla salute nel nostro territorio al Sindaco Terzulli oltre 14 mesi fa, non ottenendo nessuna risposta fino ad oggi. Grazie all’interrogazione di Testa oggi finalmente si hanno i primi dati che mostrano come a Ciampino ci sia in situazione critica rispetto, per esempio, a Frascati, proprio per la situazione di inquinamento da mezzi di trasporto diversi dalle autovetture, cioè proprio gli aerei e i mezzi speciali. Esattamente quanto sospettavano i cittadini da anni. Incalzato dall’opposizione e con anche il consigliere Abbondati (SEL) particolarmente presente con interventi di critica all’operato del primo cittadino, Terzulli ha commentato alla fine che, se ci sarà una riduzione dei voli, sarà per la sua capacità di dialogo con le istituzioni e con AdR ed ENAC. Anche questa affermazione è sembrata ai cittadini presenti alquanto presuntuosa: peccato che si dimentichi che se non ci fosse l’indagine Europea e una della magistratura, con oltre 1700 esposti dei cittadini, in corso, oggi i voli a Ciampino continuerebbero ad aumentare. Ma mentre i cittadini del CRIAAC dal 2005 combattevano in tutti i modi possibili l’illegalità a Ciampino, probabilmente Terzulli è stato distratto e pensava ad altro: “Fa niente” ha concluso il Comitato con i suoi rappresentanti “basta che la riduzione dei voli ci sia, sia immediata e ben superiore al 30%, percentuale totalmente insufficiente a garantire il rispetto dei termini di legge sul rumore entro i quali Ciampino dovrà cominciare ad operare, visto che è inadempiente da oltre un decennio“.

www.comitatoaeroportociampino.it 

twitter: Comitato Ciampino@CiampinoCRIAAC

facebook: Comitato aeroporto di Ciampino

info@comitatoaeroportociampino.it

Gen 292016
 
aereo

Presso il Comune è disponibile solo uno studio di fattibilità sull’opera già in realizzazione. Ma la legge vale anche anche per ENAC e ADR a Ciampino?

Con un’attività che sembrerebbe avviata già da alcune settimane, si sta realizzando un strada sulla linea di confine tra l’aeroporto di Ciampino e le case della città. Il Comitato dei cittadini, constatato l’avvio dei lavori, ha effettuato un accesso agli atti in Comune a Ciampino per verificare se i permessi e le diverse valutazioni, tra cui quella di impatto ambientale, fossero state effettuate. La sorpresa è stata grande quando si è appreso che tutto quello che è stato al momento predisposto presso il Comune di Ciampino è solo un primo abbozzo di uno studio di fattibilità.

Mentre le ruspe già lavorano da giorni” ha dichiarato il Comitato per la Riduzione dell’impatto Ambientale all’Aeroporto di Ciampino “negli uffici comunali non c’è traccia di permessi nè di atti come delibere e determine dirigenziali su questa faccenda. Prima ancora di poter fare qualsiasi valutazione su quest’opera è necessario che tutto sia in regola, ma in un aeroporto dove la gestione si manifesta per innumerevoli aspetti fuori dalle norme, non si può cominciare a realizzare una strada ad alta percorrenza al confine con la città senza che ci siano tutte le carte e gli studi di impatto a posto. Chiediamo al Sindaco Terzulli di applicare le norme. Esiste un progetto di dettaglio dell’Opera? Esiste una determina dirigenziale che autorizzi i lavori? E’ stato fatto uno studio sull’impatto ambientale di una strada senza illuminazione a meno di 100 m dalla pista di decollo/atterraggio degli aerei? Al comune di Ciampino la legge è uguale per tutti o si deve pensare che per qualcuno sia possibile operare sotto il naso del Sindaco e della Polizia Municipale in dispregio delle norme? Perchè nessuno ferma i lavori per ristabilire l’iter corretto?

Tante domande per il Sindaco Terzulli a cui il Comitato chiede delle risposte immediate a tutela della salute dei cittadini e per riportare la legalità nell’aeroporto.

www.comitatoaeroportociampino.it 
twitter: Comitato Ciampino@CiampinoCRIAAC
facebook: Comitato aeroporto di Ciampino
info@comitatoaeroportociampino.it

 

Gen 282016
 
MarinoBombe

 

L’Amministrazione Comunale  intende ricordare il 72° anniversario del Bombardamento della Città di Marino con una solenne manifestazione  che si svolgerà martedì 2 febbraio 2016.

Alle ore 9,30 partirà dal Cortile di  Palazzo Colonna il Corteo, preceduto dal Filarmonico “E. Ugolini” diretto dal M° Carmine Scura, che attraverserà le vie principali del paese in direzione del Monumento ai Caduti in Piazzale degli Eroi dove, alle 10,00, avrà luogo la cerimonia, che inizierà con il  solenne rito della deposizione della corona d’alloro in memoria di quanti persero la vita in quella tragica occasione luttuosa per tutta la Città,  alla quale parteciperanno autorità civili, militari e religiose unitamente alle associazioni combattentistiche locali, agli alunni delle scuole e  alla cittadinanza tutta.

La commemorazione ufficiale sarà affidata al Commissario Straordinario dott.ssa Enza Caporale alla quale farà seguito la preghiera in suffragio dei Caduti effettuata dal  Parroco della Basilica di S. Barnaba Mons.  Pietro Massari.

A seguire la visita delle scolaresche presenti al Museo delle “Memorie di Guerra” nei sotterranei di Palazzo Colonna in collaborazione con l’Associazione  PROLOCOMARINO.

Alle ore 12.30 in punto sarà attivata, come da tradizione, la sirena che ricorderà l’allarme scattato nel lontano 2 febbraio ’44 per avvisare la popolazione dell’arrivo delle formazioni aeree su Marino.

Infine alle ore 18,00 la Santa Messa in suffragio dei Caduti nella Basilica di San Barnaba Apostolo.

 

Comunicato del Comune di Marino

 

Gen 262016
 
ulivo

Un ulivo per ricordare le vittime della shoah. Verrà celebrata a Marino mercoledì 27 gennaio 2016 la Giornata della Memoria, istituita il 20 luglio 2000 con legge n. 211 per ricordare la data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz. Alle ore 10,00 nel parco comunale di Villa Desideri nei pressi della Biblioteca civica “V. Colonna” verrà posto a dimora l’Ulivo della Pace ad opera dei Commissari Prefettizi in memoria delle vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti. Alla presenza degli alunni delle scuole, delle autorità civili e militari del territorio e dei rappresentanti delle Associazioni combattentistiche e d’arma verrà rievocata quella che viene definita da più parti giustamente come la “pagina più agghiacciante” della storia umana: la Shoah. Nel corso della storia si erano già verificati innumerevoli massacri, roghi di innocenti e dei loro libri di preghiera, legislazioni restrittive, chiusura dei ghetti, processi, nei confronti del popolo ebraico. Ma la “soluzione finale” messa in atto dal regime nazista mirante non solo ad allontanare gli ebrei dalla società civile, ma a neutralizzare completamente l’etnia semitica, fu cosa ben più raccapricciante e tragica. Quella tragica vicenda deve essere ricordata. Su di essa si impone una seria, profondissima e permanente riflessione collettiva affinché simili eventi non debbano mai più accadere.

Comunicato Stampa Comune di Marino

Dic 242015
 

La festa del 20 dicembre scorso a Frattocchie, presso il Teatro parrocchiale, organizzata dalla Parrocchia San Giuseppe con l’aiuto del volontariato parrocchiale, del gruppo Caritas, dei ragazzi dell’Oratorio e dei volontari di Marino Aperta Onlus ha visto una grande partecipazione della Comunità. Diverse decine di famiglie hanno partecipato al pranzo Caritas che ha curato in particolare le famiglie in difficoltà della comunità in questo periodo di crisi. Molti bambini presenti per la tombolata pomeridiana gestita dai ragazzi dell’Oratorio e tutto esaurito in termini di posti a sedere, con circa 200 persone coinvolte, per il concerto del Coro del Fiore Blu e per i saggi dei corsi di Musica coordinati da Marino Aperta Onlus. Le famiglie hanno più volte interrotto con calorosi applausi le performance dei giovani musicisti e cantanti di Frattocchie che, con entusiasmo, si sono succeduti sul palco del teatro San Giuseppe.  Alla fine panettone per tutti, con un saluto e augurio di buon Natale del parroco don Felipe.

festanatale

 

Dic 242015
 

PiccoloCoroFB Il 22 dicembre scorso il piccolo Coro del Fiore Blu composto da circa venti bambini di Frattocchie ha allietato gli anziani e gli ammalati presenti presso la casa di cura Vila Nina di Frattocchie. L’evento, organizzato da Marino Aperta Onlus anche per il Natale 2015, ha visto i bambini del Coro diretto dalla prof.ssa Giovanna Ruffini esibirsi in numerose canzoni natalizie che hanno coinvolto gli anziani del centro di cura. Alla fine della manifestazione il presidente di Marino Aperta Onlus, l’ing. Tonino Dibello, ha salutato tutti gli intervenuti a nome dell’associazione, ricordando le attività che sono in corso e impegnandosi ad organizzare un nuovo evento con gli anziani e gli ammalati di Villa Nina per la prossima primavera. “Voglio ringraziare” ha concluso il presidente Dibello “tutti i volontari di Marino Aperta Onlus che consentono di offrire alla comunità di Frattocchie, e di Marino più in generale, molteplici attività che vanno dall’aiuto ai giovani in difficoltà scolastica e relazionale, alla formazione dei bambini attraverso il canto e la musica strumentale, ai corsi di italiano per stranieri, all’approfondimento culturale attraverso le periodiche conferenze organizzate in collaborazione con la Parrocchia San Giuseppe di Frattocchie”.